Semplice e Chiaro: il #Timefactor di Mario Barretta

Dedicare tempo agli altri, valorizzando il proprio talento.
Questo è il #Timefactor che TIMEREPUBLIK permette di coltivare e di far emergere: attraverso il digitale, stabilire relazioni solidali e/o professionali, guadagnare in reputazione, ottenere ed attribuire fiducia, acquisendo capacità di spesa.
Questo è il #Timefactor che Mario Barretta ha dimostrato di avere.

Mario-Barretta-timefactorCiao, Mario, grazie per il tempo che concedi anche a noi. È bello sapere che su www.timerepublik.com ci sono persone come te! Dicci chi sei, che cosa fai, che prospettive hai.

Sono una persona molto semplice che ha imparato, con il tempo, ad accontentarsi delle piccole cose e ha scoperto che il bicchiere mezzo vuoto in realtà è mezzo pieno. Sembrerà una sciocchezza ma è qualcosa cui prima non avevo mai pensato e che a causa, o per merito, delle esperienze che la vita ci porta ad affrontare, mi appartiene o quantomeno provo a rendere parte di me.

Quali sono i talenti che metti a disposizione della community di TIMEREPUBLIK?

Sono appassionato di svariate cose, ma fondamentalmente oserei dire che il mondo di Android, Google, Linux ed i Videogames ( anche se in minor parte purtroppo ) sono i miei interessi maggiori. Amo fare sport non appena mi è possibile ( anche questo, adesso, purtroppo ridotto davvero all’osso a causa del tempo che manca ) ed ho fatto anche da personal trainer “autodidatta” in una palestra alla quale ho realizzato un gestionale per la gestione dei loro iscritti e la redazione delle schede di allenamento ( da qui è nata la possibilità di aiutare gli stessi nella corretta esecuzione degli esercizi, di motivarli nel raggiungere un obiettivo, di sollecitarli se saltavano una seduta oppure di uscire con loro per una corsetta o una pedalata ).

Hai già siglato degli accordi? Raccontaci com’è andata.

Mi è stato chiesto di suggerire delle applicazioni per uno smartphone Android che potessero aiutare l’utente nello svolgimento delle proprie attività lavorative, per esempio, e mi è sembrato naturale consigliare qualche applicazione che ho provato e che ritengo utile per tale scopo.
Il risultato è stato gradito da colui che ha richiesto il servizio e ne sono stato contento, non ho mai pensato che potesse esservi anche una “remunerazione” temporale per qualcosa che ho sempre fatto naturalmente.

Due consigli:
a chi offre talenti come i tuoi, come risultare più appetibile?

Fermo restando che non mi sento in grado di essere definito talentuoso e ringrazio chi lo ha fatto, mi viene da pensare che la migliore tecnica per risultare più appetibili sia parlare chiaro ed essere estremamente semplici facendo uso della nostra bella lingua italiana che ci rende possibile un’esposizione di elevata qualità.

Invece di parlare di tasks urgenti o di fare brainstorming in azienda e di utilizzare spreadsheet e chi più ne ha più ne metta, cerchiamo di rendere semplice ed alla portata di tutti ogni nostra conoscenza. In questo modo saremo certi che il nostro conoscere verrà diffuso ulteriormente e non si rivelerà solo il classico pesce dato a chi ha fame, invece di insegnargli a pescare. Ovviamente sarà necessario che il ricevente sia propenso ad apprendere l’arte della pesca.
a chi ne ha bisogno, che cosa aspettarsi?

Aspettatevi certamente un servizio che possa chiarire i vostri dubbi e non ve ne crei ulteriori, personalmente faccio molte domande prima di dare una risposta o di capire qualcosa, ma sono convinto che sia l’unica via da percorrere per poter ricevere un servizio che soddisfi le proprie necessità quindi siate il più disponibili possibile nel fornire informazioni perché sono essenziali per potervi soddisfare.

Cosa potresti aver bisogno di chiedere agli utenti della community?

Non sono molto portato a fare delle domande, solitamente mi piace di più aiutare e fornire supporto, ma se dovessi trovare qualche professionista nei miei paraggi non nego che mi piacerebbe interagire con un fotografo ( per un bel servizio fotografico del figlio appena nato ) oppure un fisioterapista per i lancinanti dolori alla schiena che un lavoro sedentario provoca oppure un web designer per apprendere approfonditamente l’uso di strumenti come Gimp o applicativi verso i quali ho sempre rivolto interesse e curiosità ma che non sono mai riuscito a conoscere approfonditamente come invece mi sarebbe piaciuto.
Queste sono le prime cose che mi son venute in mente, ma sono certo che non appena cliccherò invio me ne verranno altre.

Grazie Mario!

Grazie a voi!

SIGN UP ON TIMEREPUBLIK.COM